Il Visual Management come strumento di gestione per migliorare l’efficienza Aziendale

Premessa:
In azienda le attività che portano valore nella prospettiva della soddisfazione del cliente (QCD – qualità, costo, delivery) hanno luogo dove vengono svolte le tre attività principali che si ricollegano direttamente al conseguimento dell’utile di bilancio: sviluppo, produzione e vendita. Nessuna azienda può mantenersi se non provvede a queste tre attività fondamentali.
In particolare per gestire efficacemente il processo produttivo occorre:

  • vedere ed eliminare gli sprechi (riduzione dei costi);
  • mettere in evidenza e risolvere i problemi (efficienza);
  • rendere noti gli standard operativi.

La prima ragione del Visual Management è dare visibilità ai problemi (nel luogo di lavoro le anomalie sono all’ordine del giorno!).
La seconda è aiutare gli operatori e i responsabili a mantenersi in contatto diretto con la realtà del luogo dove si svolge l’attività operativa.
La terza ragione del Visual Management è rendere chiari gli obiettivi di miglioramento.

Dare visibilità ai problemi:
Se le anomalie non sono rilevabili facilmente nessuno potrà gestire efficacemente il processo produttivo. Il Visual Management ci rivela a colpo d’occhio la situazione operativa evidenziandone visivamente le eventuali anomalie: il traboccare di contenitori a bordo linea, un carrello lasciato al di fuori dell’area di parcheggio segnata a pavimento ad esso destinata, ecc.
Quando gli operatori hanno la possibilità di “vedere” i problemi e gli effetti del proprio apporto alla soluzione del problema da debellare collaborano meglio e più efficacemente. Tutti i dispositivi visivi sono efficacissimi nel favorire il miglioramento.

Contatto diretto con la realtà del luogo dove si svolge l’attività:
Ciò si realizza con un “quadro” di informazioni, chiaro e facile da interpretare, che rende nota a tutti la schedulazione della produzione e l’effettivo avanzamento; così cosa accade in produzione è sempre chiaro (visibile) per chi si trova a lavorarci. Per esempio i livelli di stock (minimo e massimo) e le locazioni dei materiali sono chiaramente contrassegnati. Affiggere gli STANDARD operativi proprio di fronte alle postazioni operative è Visual Management. Viene allo scopo utilizzata un’ampia gamma di supporti visivi in tutti gli ambiti: bacheca, tabellone di cartone, lavagna magnetica. In quest’epoca questi semplici dispositivi di visualizzazione appaiono in prima battuta desueti all’osservatore occasionale ma in realtà sono dei potenti strumenti dell’organizzazione lean.
Se gli operatori sono nelle condizioni di “vedere” il proprio apporto alla schedulazione operativa risultano anche più produttivi.

Rendere chiari gli obiettivi di miglioramento:
Attraverso una attività di Policy Deployment resa “visiva”, si permette di rendere condivisibili i collegamenti tra le attività di miglioramento (legate agli obiettivi di livello operativo) e la politica di miglioramento adottata per incrementare la soddisfazione del cliente in termini di QCD – qualità, costo, delivery.

Quindi il Visual Management permette di identificare i problemi e di mettere in evidenza gli scostamenti fra la realtà (valori misurati) e le aspettative del cliente (esplicitate negli obiettivi da raggiungere).
È un efficace strumento per motivare gli operatori in produzione a conseguire gli obiettivi fissati dal management e a migliorare la propria performance avendo “a vista” quali sono gli obiettivi da raggiungere e quali progressi sono già stati compiuti in quella direzione.