ISO 45001: la norma ISO per i Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro

Il 2016, per quanto riguarda l’ambito della gestione di impresa e dell’organizzazione aziendale, sarà un anno particolarmente significativo in quanto è prevista la pubblicazione, da parte della ISO – International Organization for Standardization, della norma relativa ai Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro. In tal modo la gamma delle norme ISO relative ai sistemi di gestione andrà a completarsi con la gestione della salute e sicurezza sul lavoro, un aspetto sempre più importante e strategico finora normato da standard non di emanazione ISO, fra cui il BS OHSAS 18001:2007 diffusissimo in tutto il mondo.

L’importanza intrinseca che gli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro rivestono a livello internazionale, la crescente rilevanza delle questioni sociali ed etiche connesse al mercato globale, nonché un’opinione pubblica sempre più attenta e critica verso tali aspetti, ha posto le condizioni per cui è necessario dover disporre di uno standard sulla gestione della salute e sicurezza sul lavoro di valenza internazionale quale punto di riferimento per il mercato globale che esprimesse principi, concetti e requisiti comuni per le varie aree geografiche, legislazioni e culture. Inoltre, in tale ottica, l’operato della ISO in materia di sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro (che ha visto un forte coinvolgimento della ILO – International Labour Organization), sembra voler rafforzare il legame tra sicurezza sul lavoro e responsabilità sociale d’impresa (Corporate Social Responsibility – CSR).

La norma ISO che definirà i requisiti dei Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro, al momento nello stato di “Progetto di norma (DIS – Draft International Standard)” e la cui pubblicazione definitiva è prevista per ottobre 2016, è stata identificata come ISO 45001 Occupational health and safety management systems – Requirements e risulta ispirata alla ben nota norma BS OHSAS 18001:2007 in quanto permane chiaro l’obiettivo di fornire alle aziende uno strumento gestionale capace di agevolare la gestione di un aspetto così delicato e strategico quale la salute e sicurezza sul lavoro, potendone cogliere le possibili opportunità di miglioramento.

Con la pubblicazione di un una norma ISO relativa ai Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro, nonché con la presumibile e graduale sostituzione delle certificazioni BS OHSAS 18001 con certificazioni ISO 45001, dovrebbe essere possibile anche fare maggiore chiarezza in merito ai Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro certificati sotto accreditamento rispetto a quelli certificati senza accreditamento, appianando situazioni di disparità, squilibrio e confusione con implicazioni commerciali e comunicative di rilevanza nazionale ed internazionale.

Tra le novità della norma ISO 45001 rispetto alla BS OHSAS 18001, ci sarà la struttura stessa della norma che risulta impostata secondo la struttura “High Level Structure”, cioè la “struttura di alto livello” che accomunerà tutte le norme ISO relative ai sistemi di gestione per facilitarne l’adozione integrata da parte delle Organizzazioni, rafforzando il concetto di rischio e di gestione della sicurezza sul lavoro, affinché travalichino la dimensione cogente per arrivare ad essere elementi strategici per il miglioramento delle prestazioni aziendali nel loro complesso.

Fra gli intenti più importanti con cui si sta sviluppando la ISO 45001 (come è stato fatto per le edizioni 2015 delle norme relative ai sistemi di gestione per la qualità ed ambientale), sembra esserci la volontà di fornire uno standard che eviti eccessi prescrittivi e vincoli formali a vantaggio della comprensibilità ed applicabilità dei principi di gestione della sicurezza sul lavoro da parte di organizzazioni di qualsiasi dimensione e tipologia. Tale approccio appare particolarmente vantaggioso per le piccole e medie imprese, in cui il fenomeno infortunistico è particolarmente rilevante e la cui gestione della sicurezza sul lavoro può riservare carichi gestionali ed economici significativi, ottimizzabili solo se gestiti in maniera strutturata e sistematica. Pertanto, si prefigura una norma con caratteristiche, se pur generali, importanti:
– Semplicità di linguaggio;
– Adeguatezza prescrittiva;
– Vincoli ponderati e non ostativi;
– Requisiti flessibili, adattabili, di facile interpretazione ed applicazione;
– Snellimento della documentazione di sistema;
– Allineamento del sistema alle concrete esigenze gestionali per la sicurezza sul lavoro dell’azienda.

  • La ISO 45001, in linea con le principali norme relative ai sistemi di gestione recentemente revisionate (ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015) conferma e sottolinea:
    La validità del modello PDCA (Plan – Do – Check – Act), promuovendone l’adozione, quale strumento idoneo per una efficace implementazione ed applicazione di un sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro nel rispetto degli obblighi di legge (A tal proposito, si può ben presumere che un sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro conforme alla ISO 45001, efficacemente attuato e mantenuto attivo, potrà assolvere a quanto richiesto dall’articolo 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. relativo ai modelli di organizzazione e di gestione e dal D.Lgs. 231/01 e s.m.i. in merito alla responsabilità amministrativa per i reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro previsti dal decreto stesso);
  • La necessità di configurare un sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro al per le reali esigenze organizzative e gestionali aziendali dotandosi di idonei strumenti atti a garantire un funzionamento efficiente ed efficace comprovato non tanto da formalismi ma dall’ottenimento delle prestazioni desiderate.

Inoltre, particolarmente interessante, sarà poter disporre di definizioni univoche in merito alla salute e sicurezza sul lavoro, quali “rischio”, “lavoratore” e “lavoro”, al fine di poter evitare dubbi interpretativi ed applicativi dovuti a diversità di carattere tecnico, geografico o culturali.

La ISO 45001 sembra spronare le organizzazioni a concepire la gestione della salute e sicurezza sul lavoro come uno strumento di controllo e prevenzione delle problematiche di salute e sicurezza dei lavoratori sia di origine interna che esterna, andando ad espandere il raggio di azione del proprio sistema di gestione dall’interno dell’azienda al suo contesto (per quanto necessario) al fine di poterne gestire i rischi d’impresa derivanti e coglierne le opportunità di miglioramento in maniera strategica ed integrata alla più generale gestione d’impresa, in cui le parti interessate esterne risultano sempre più determinanti per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.