Direttive Bassa Tensione e Compatibilità elettromagnetica

ic_Prodotti

La Marcatura CE ai sensi delle Direttive BT e EMC, se applicabili, è obbligatoria per l’immissione nel mercato europeo dei dispositivi elettrici.
La Direttiva 2004/108/CE (recepita in Italia dal decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 193) si applica ad apparecchi ed impianti fissi disciplinandone l’aspetto della compatibilità elettromagnetica al fine di garantirne un adeguato funzionamento.
La Direttiva 2006/95/CE (BT) si applica alle apparecchiature elettriche con una tensione di alimentazione o di uscita tra 50 e 1000 V per la corrente alternata o tra 75 e 1500 volt per la corrente continua (ad esclusione dei materiali elettrici ATEX e per uso clinico e radiologico, parti elettriche di ascensori e montacarichi, contatori elettrici, prese e spine per uso domestico, dispositivi di alimentazione di recinti elettrici, disturbi radioelettrici, materiali elettrici speciali, destinati ad essere usati su navi, aeromobili e per le ferrovie) disciplinando gli obiettivi minimi di sicurezza da applicare al materiale elettrico.
L’applicazione delle direttive BT e EMC permette ai fabbricanti di marcare CE i dispositivi elettrici prodotti e la loro immissione nel mercato europeo.

(Cliccare sopra l’icona del servizio per accedere alla versione pdf)